Cotolette di Ombrellini

Ecco un'altra ricetta del bosco! Stavolta si tratta di una cotoletta dal profumo di nocciole, che è l'odore tipico della macrolepiota procera, il fungo che preferisco in assoluto. Conosciuto più comunemente come mazza di tamburo, ombrellino, parasole, ecc., qui dalle mie parti è chiamato coppulillu. I nomi dialettali rispecchiano la forma ad ombrello del cappello aperto, che è la parte buona del fungo, essendo il gambo legnoso, adatto ad essere essiccato. Il modo più buono per gustare questi profumati cappelli è farli a cotoletta, se avrete modo di procurarvene, provateli!


Cotolette di funghi




Ingredienti:
quattro cappelli di ombrellini
un uovo
pan grattato
un cucchiaio di formaggio caprino grattugiato
uno spicchio d'aglio
olio per friggere
sale marino integrale 

Pulite i cappelli degli ombrellini con un panno umido. Se sono grandi potrete tagliarli a pezzi (io li ho usati interi poiché i miei erano di dimensioni medie).  In un piatto sbattete un uovo con un pizzico di sale. In un altro, mescolate il pan grattato con il formaggio e dell'aglio tritato finemente. Schiacciate lievemente gli ombrellini tra i due palmi delle mani, passateli prima nell'uovo e poi nel pan grattato e friggeteli in abbondante olio caldo.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...